Homepage / Catalogo / BolognaSound Vol. 1

BolognaSound vol. 1 (SLW01)

AA.VV.

Acquista e ascolta su

  • Black Icon Spotify
  • Black Icon Amazon
  • Black Icon iTunes
  • Black Icon Bandcamp
  • Black YouTube Icon

Tracklist
01 – Njordzitrone – BIID Elisea (2'20") |
02 – Federico Pipia – Crac (12'00")
03 – Daniele Carcassi – Striature (8'43") | 
04 – Marco Menditto – Core (7'29")
05 – Simone Faraci – Un giardino Improvviso (12'31")


BIID Elisea mixing e mastering Njordzitrone 
Crac mixing Federico Pipia, mastering Slowth Records (Riduzione stereofonica)
Striature mixing Daniele Carcassi, mastering Slowth Records
Core mixing Marco Menditto, mastering Slowth Records
Un giardino improvviso mixing Simone Faraci, mastering Slowth Records, alla voce Valeria Girelli, testo di Simone Faraci (Commissione Tempo Reale nell’ambito del Progetto Europeo “Il paesaggio sonoro nel quale viviamo”)

8918.png
8918.png

BolognaSound Vol. 1 è la prima pubblicazione di Slowth Records, disponibile dal 18 dicembre 2020 su tutte le piattaforme digitali, ed è una compilation di cinque brani inediti che getta per l’appunto luce sulla nuova scena elettronica sperimentale della città di Bologna.

I musicisti coinvolti per questa prima occasione sono il duo elettronico Njordzitrone, il compositore, musicista e performer Federico Pipia (Yamane, BlackCap, Minus – Collettivo di Improvvisazione), il compositore, improvvisatore e DJ Daniele Carcassi (Abo, Elettronica Collettiva Bologna), il musicista, compositore e artista visivo Marco Menditto e il musicista, compositore e improvvisatore Simone Faraci (TREE – Tempo Reale Electroacoustic Ensemble, Minus – Collettivo di Improvvisazione).

Ma cos’è di preciso questo BolognaSound? La definizione è stata coniata da Francesco Giomi, compositore e regista del suono, collaboratore tra gli altri di Luciano Berio, direttore dello storico centro di ricerca, produzione e didattica musicale Tempo Reale a Firenze e professore di Composizione Musicale Elettroacustica al Conservatorio di Musica di Bologna. Ecco la presentazione da lui stesso scritta.

«Bologna è oggi una città dalla grande vitalità musicale, soprattutto nel campo della ricerca sonora, della sperimentazione elettronica, e di tutte quelle espressioni che escono dai canoni convenzionali.

Il BolognaSound si è quindi sviluppato e diffuso attraverso questo fertile terreno della cultura cittadina, ma è stato sicuramente generato a partire dall’ambito accademico, inteso qui nella sua migliore accezione: un ruolo fondamentale negli ultimi quindici anni l’ha giocato infatti la Scuola di Musica Elettronica del Conservatorio “G. B. Martini”, in grado di costruire un’idea di musica fatta di profondità, pratica, apertura e rete di relazioni.

BolognaSound non è però una corrente o un collettivo artistico, bensì un modo comune di intendere il pensiero musicale, pur nella singolare diversità di espressioni, qualità e approcci. Ammesso che sia possibile vincolarlo a una sorta di manifesto, esso è riassumibile in cinque punti:

  • attinge dalla migliore tradizione acusmatica anglo-francese (quella di Parmegiani, di Smalley, di Wishart, per intenderci) recependone la possibilità di controllo e costruzione morfologica del suono, così come le capacità evocative e di indagine sullo spazio;

  • incorpora germi più o meno estesi dalle espressioni techno e noise, riconoscendone il valore tanto in ambito culturale quanto in quello puramente sonologico;

  • riattualizza costantemente i propri tratti di energia, potenza e freschezza tanto nell’ambito del suono fissato su supporto che della musica dal vivo;

  • sintetizza dinamicamente il rapporto tra struttura formale e improvvisazione grazie a una consapevolezza storico-analitica e a una gestione del fare musica sempre priva di atteggiamenti superficiali;

  • guarda a un respiro internazionale confrontandosi con esperienze di punta della ricerca extra-italiana.

Per tutte queste caratteristiche si affianca ai molti fermenti di novità della musica elettronica che emergono da più parti in Europa, in Canada, in Asia e che, in questo momento di stagnazione del progresso linguistico e di affermazione statica di un mainstream, rappresentano un elemento di grande interesse e speranza per chi si occupa di ricerca musicale.

Questo disco è un emblema significativo del BolognaSound, raccogliendo una pluralità di interessanti creativi, dai compositori più maturi (come Faraci e Carcassi) fino a giovani musicisti la cui energia musicale sembra essere appena all’inizio (Pipia e Menditto), passando per la comunione di generi ed espressioni che solo Njordzitrone sembra incarnare in maniera perfetta».

Ascolta ora i singoli BIID Elisea di Njordzitrone e Striature di Daniele Carcassi

Press: Digipur - www.digipur.it  | press@digipur.it

artwork Simone Memè

Pubblicato il 18 dicembre 2020

© 2020 Associazione Culturale Slowth Records | C.F. 91429480378 | Via Aurelio Saffi 43, 40131 Bologna (BO)

info@slowthrecords.com | tel. +39 347 3412407 | Privacy - Cookie

  • Black Facebook Icon
  • Black Icon Spotify
  • Black Icon SoundCloud
  • Black Icon Bandcamp
  • Black YouTube Icon
  • Black Instagram Icon