Homepage / Catalogo / CASA BASE

CASA BASE [serie video] (SLW04/1)

Minus - Collettivo d'improvvisazione

xsitoMINUS.png

CASA BASE è un progetto multimediale che comprende una serie di video-improvvisazioni e un album. Il concept del progetto è un game piece, un sistema di improvvisazione controllata per musicisti che suonano a distanza, ispirato al gioco del baseball. Il sistema è frutto della ricerca dei musicisti di Minus – Collettivo di improvvisazione, ed è nato da uno spunto di Simone Faraci, uno dei componenti fondatori del collettivo bolognese.

L’idea nasce nella condizione forzata di non poter suonare insieme e dalla volontà di trovare comunque un modo per farlo, anche a distanza. Lo sport del baseball ha fornito ispirazione pensando innanzitutto all’organizzazione dello spazio: sul campo da baseball tutti i giocatori sono molto distanti fra loro e a collegarli c’è soltanto una palla, che viaggia da uno all’altro. Questa condizione è simile a quella dei musicisti che nei mesi di pandemia hanno preso parte a concerti da remoto, costretti a lanciare idee musicali nell’etere sotto forma di dati. C’è poi un altro aspetto del baseball che ha influenzato la composizione di questo sistema e che riguarda il concetto di sincronia. Nel baseball la relazione tra lanciatore e battitore è un duello perverso, dove il battitore è infatti alla ricerca di una sincronia quasi impossibile da realizzare. Se vuole colpire la palla, deve regolare il suo istinto sul tempo di percorrenza che questa impiega a raggiungerlo: dal calcolo istintivo di questa latenza dipende la sua sopravvivenza nel gioco.

 

In ciascuno dei quattro video che compongono la serie audiovisiva CASA BASE, due musicisti del collettivo bolognese sono impegnati da remoto nell’ardua ricerca di una sincronia. Suonare a distanza li pone di fronte al grande limite della latenza: il suono, viaggiando da un musicista all’altro attraverso la rete, deve necessariamente impiegare un tempo, rendendo difficile produrre volontariamente una perfetta sincronia degli eventi sonori. I musicisti cercano dunque un collegamento quasi telepatico che proviene dall’esperienza del suonare insieme, ma soprattutto dalla ricerca di un livello di ascolto profondo.

 

I quattro video della serie audiovisiva corrispondono a quattro diverse session di improvvisazione, in cui sette musicisti del collettivo – Daniele Carcassi, Simone Faraci, Giovanni Magaglio, Matteo Pastorello, Federico Pipia, Niccolò Salvi, Mattia Loris Siboni  – più l’ospite Biagio Cavallo sono organizzati in quattro duo.

A differenza di ROUND, primo disco di Minus uscito nel 2020 per Tempo Reale Collection, in cui comparivano diversi strumenti acustici ed elettrici, in CASA BASE ci troviamo di fronte a una apparente uniformità della strumentazione, quasi totalmente elettronica. Nonostante ciò, le quattro session sono caratterizzate da sonorità differenti tra loro: da quelle sci-fi di CASA BASE #1 alle influenze elettroacustiche presenti in CASA BASE #2,  dall’ordinata poliritmia di CASA BASE #3 al punk elettronico di CASA BASE #4.

CASA BASE (SLW04/2)

Presto disponibile su

  • Black Icon Spotify
  • Black Icon Amazon
  • Black Icon iTunes
  • Black Icon SoundCloud
  • Black Icon Bandcamp
  • Black YouTube Icon
CasaBase_3000x3000.png

Tracklist

01 - CASA BASE #1 – short version
02 - CASA BASE #2 – short version
03 - CASA BASE #3 – alternate take
04 - CASA BASE #4 – alternate take
05 - CASA BASE #X – Mattia Loris Siboni remix

CASA BASE è una ricerca di Minus – Collettivo d’improvvisazione da un’idea di Simone Faraci

 

Coordinamento musicale: Simone Faraci

Regia e montaggio video: Federico Pipia

 

Musicisti: Daniele Carcassi, Biagio Cavallo (musicista ospite), Simone Faraci, Giovanni Magaglio, Matteo Pastorello, Federico Pipia, Mattia Loris Siboni, Niccolò Salvi

Audio mix per la serie video: Matteo Pastorello (CASA BASE #1), Mattia Loris Siboni (CASA BASE #2), Niccolò Salvi (CASA BASE #3), Federico Pipia (CASA BASE #4).
Editing per il disco: Giovanni Magaglio (CASA BASE #1, CASA BASE #2), Simone Faraci (CASA BASE #3), Federico Pipia (CASA BASE #4).

Mastering: Matteo Pastorello

 

Artwork: Valerio Immordino

L’album è un approfondimento che, riallacciandosi alla serie video, aggiunge contenuti rendendo giustizia alla profondità della ricerca che ha caratterizzato questo progetto. La tracklist prevede due short version, due alternate take e un remix.

 

Le prime due tracce mettono a fuoco CASA BASE #1 e CASA BASE #2 estrapolandone i passaggi salienti.

Le alternate take di CASA BASE #3 e CASA BASE #4 forniscono invece l’occasione per approfondire le sessioni dei duo Faraci-Salvi e Cavallo-Pipia facendo ascoltare delle take non inserite nel progetto video.

 

Nella prima ritroviamo Salvi e Faraci impegnati un una stratificazione ritmica, così come nella session che si può vedere in video. Questa volta però le sonorità messe in gioco dai due musicisti sono esclusivamente di tipo percussivo e si sciolgono alla fine in un ambiente tessiturale. Nella seconda possiamo trovare sonorità molto diverse da quelle della sua versione video: una chitarra dal sound psichedelico fornisce il filo conduttore a una trama di suoni elettronici che lentamente satura tutto lo spazio sonoro.

 

CASA BASE #X chiude il disco facendosi punto di incontro della ricerca di tutti i musicisti impegnati nel progetto. Mattia Loris Siboni confeziona un remix a partire da materiali selezionati e raccolti da tutte le sessioni registrate per i video e per il disco. I materiali non sono stati manipolati in maniera pesante, allo scopo di mantenere l’impronta dell’identità sonora di ciascun musicista. L’operazione consiste nel far sì che i suoni confluiscano in maniera naturale e coerente in un unico spazio sonoro, azzerando finalmente la distanza tra coloro che li hanno prodotti. Nella prima parte del brano una serie di impulsi dalle sonorità molto diverse si inseguono quasi a cercare una sincronia. Una nota bassa del sintetizzatore arriva però a placare l’atmosfera, aprendo uno spazio più ampio con una melodia sintetica sullo sfondo. Una nuova accumulazione porta il brano verso un parossismo finale che chiude il disco in crescendo.   

Digipur - www.digipur.it - press@digipur.it

Serie video in uscita per tutto il mese di maggio 2021

CASA BASE in uscita il 18 giugno 2021